Blog

3 domande sulle capsule di caffè

blank
(Last Updated On: 16 Aprile 2021)

È ufficiale.

Sono stati discretamente insinuati nella nostra vita quotidiana da quando sono sbarcati in Italia all’inizio degli anni 2000 … ma non possiamo più vivere senza di loro.

La scorsa settimana l’INE ha pubblicato l’indice IPC per il mese di gennaio e, per la prima volta, include il caffè monodose nella configurazione del carrello (cioè i prodotti del consumo abituale).

Le macchine da caffè a capsule ci accompagnano in cucina come elettrodomestico (e per molti sono diventate quasi indispensabili come il frigorifero o la lavatrice).

E non si sono sbarazzati di quello che sta diventando un classico di tutti i prodotti alimentari: essere oggetto di bufale su Internet.

Ma l’alluminio nelle capsule causa il cancro? Sono stati banditi in alcuni paesi europei per questo motivo?

Prima di esiliare la macchina per il caffè sul fondo del magazzino come uno yogurt dagli anni ’80, vedremo se hai motivo di preoccuparti.

Ci fa impazzire
È chiaro che si tratta di una nuova forma di consumo di caffè.

Secondo il ministero dell’Agricoltura e della pesca, dell’alimentazione e dell’ambiente, nel 2015 gli spagnoli prendono più di 1,5 kg a persona all’anno .

E questo è un sacco di tazze (599 all’anno secondo la Federazione spagnola del caffè ).

Quindi, irrompere in un simile mercato e consolidarsi come tecnica per fare il caffè è stato un terremoto.

C’è di più da vedere come le capsule hanno occupato scaffali nei supermercati (colonizzati da diversi marchi, varietà e sistemi).

E le lotte (perdite) di diversi fornitori di avere l’esclusività del loro sistema di capsule rispetto a marche compatibili (più economiche) di altri marchi (e persino marchi di distributori).

Quindi sì. Le caffettiere a capsule sono una cosa seria.

1-. Possono produrre tossinfezioni alimentari?

Anche se la domanda può sembrare fuori luogo (o forse chiediamo dei microrganismi del caffè macinato?), Ha senso.

Perché alla fine del 2015 i media hanno fatto eco ai risultati di uno studio condotto da scienziati dell’Università di Valencia incentrati sui microrganismi che appaiono nei vassoi delle macchine da caffè in capsule.

Come sempre, i titoli sono stati più o meno di successo ( ” Batteri macchine Nespresso ” Batteri nascondono macchine per caffè ” …) e lo studio avevano ripercussioni internazionali (è diventato uno dei 100 studi più citati livello World e il New York Times o il Daily Mail hanno parlato di lui qui ).

E persino Nespresso ha fatto dichiarazioni per ricordare quale fosse il risultato dello studio e come mantenere le macchine da caffè per evitare questi problemi.

Ma lo studio ha scoperto qualche problema reale di sicurezza alimentare dovuto ai microrganismi delle macchine da caffè?

No.

Né le capsule né il caffè contenevano agenti patogeni che mettessero a rischio la loro salute.

La ricerca si è concentrata sul microbiota che appare nei vassoi delle macchine. E sì, c’erano dei batteri che possono causare problemi di salute.

Il caffè in capsule non contiene microrganismi patogeni

Perché questi batteri si sviluppano nelle macchine da caffè? Perché una volta utilizzate le capsule cadono in un recipiente. I resti di acqua e caffè gocciolano e si accumulano nella parte inferiore.

E le abitudini di pulizia dei loro proprietari fanno il resto.

La cosa interessante dello studio è che alcuni batteri possono usare la caffeina come mezzo di crescita (che secondo i ricercatori può aprire modi per decaffeinare il caffè e altre bevande o decontaminare la caffeina dall’ambiente).

Quindi il vero problema è dimenticare che i vassoi delle macchine per il caffè devono essere lavati.

Non più

(Proprio come nessuno penserebbe di cucinare e mantenere il piatto senza strofinare, giusto?).

2-. E i contaminanti chimici nelle capsule? (alluminio, furano, acrilammide …)

Sono sicuro che tu l’abbia sentito: i materiali delle capsule di caffè vanno a bere e ci intossicano, in alcuni paesi sono vietati per i loro effetti sulla salute …

Bene, vediamo i dati.

L’alluminio delle capsule va al caffè?
capsula di alluminio è stato protagonista di un canard abbastanza diffusa nel 2011 (e fishtailing fino ad oggi nonostante i tentativi di negare come questo e questo ).

Secondo il messaggio che circola sulla rete, la pressione e la temperatura a cui è sottoposta la capsula fanno andare parte del caffè che contengono. Cosa avrebbe gravi conseguenze per la salute, perché l’alluminio è un composto altamente cancerogeno.

La bulla contiene alcuni dati veri (come sempre, per dare un grado di plausibilità), ed è che alcune capsule hanno alluminio nella sua composizione.

Nel mercato puoi trovare tre tipi di capsule in base al materiale con cui sono fabbricati:

1-. Alluminio: sono quelli di Nespresso, il sistema più utilizzato. Sono formati da uno strato di alluminio coperto da un film plastico interno che lo isola dal caffè.

2-. Di plastica: anche molto usato.

3-. Carta: viene utilizzata una carta da filtro simile a quella delle tradizionali macchine da caffè.

capsule di caffè dolce
Capsule di plastica

E fino a qui la veridicità della beffa.

Perché fallisce in un dato cruciale. La cancerogenicità dell’alluminio.

L’EFSA in un parere scientifico del 2008 ha concluso che “i meccanismi indiretti di genotossicità (dell’alluminio) che si verificano con livelli di esposizione relativamente elevati non sono probabilmente rilevanti per gli esseri umani esposti all’alluminio attraverso la dieta”.

E per quanto riguarda la cancerogenicità, la conclusione è che “l’alluminio è improbabile che sia cancerogeno per l’uomo nell’esposizione attraverso la dieta”.

Anche la IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, appartenente all’OMS) non considera l’alluminio alimentare come agente cancerogeno.

(Sì , la produzione di alluminio appare nel gruppo 1 – un agente cancerogeno per l’uomo – a causa delle condizioni in cui si verifica, che comportano il contatto con numerosi agenti cancerogeni come idrocarburi policiclici aromatici o amianto).

Questo non significa che l’alluminio sia innocuo.

La relazione dell’EFSA, ad esempio, include la neurotossicità dell’alluminio.

E per impostare la dose settimanale tollerabile (dal loro effetto cumulativo è più appropriato di un apporto giornaliero) tiene conto dei risultati negli esperimenti su animali che mostrano problemi riproduttivi nei maschi, embriotossicità e disturbi dello sviluppo del sistema nervoso.

L’alluminio è associato a diversi problemi di salute (ma non allo sviluppo del cancro)

Perché, anche se si può raggiungere il nostro organismo da varie fonti (trattamenti medici come la dialisi, argille o l’esposizione ambientale nei prodotti cosmetici, come antitraspiranti) la principale fonte di esposizione a questo metallo è attraverso la dieta.

L’alluminio è presente in verdure, frutti di mare, cereali, succhi di frutta, acqua … e può essere trasferito al cibo da utensili da cucina o fogli di alluminio.

Inoltre, vari additivi alimentari contengono alluminio.

Ma l’alluminio che ci raggiunge attraverso la catena alimentare è regolato.

Per evitare che il trasferimento di alluminio agli alimenti possa causare problemi di salute, i materiali a contatto con gli alimenti devono rispettare il regolamento 1935/2004 sui materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari, che specifica le condizioni generali obbligatorie.

E regolamento 10/2011 sui materiali plastica destinati a venire a contatto con alimenti (poi corretta dal regolamento 2016/1416 , riguarda specificamente la migrazione dell’alluminio e applicata a partire dal 2018) prevede limiti di migrazione specifica ( per ogni elemento) e globale (per la somma di tutti gli elementi di un contenitore che possono essere trasferiti.

E per quanto riguarda gli additivi alimentari , sono state apportate numerose modifiche ai regolamenti per ridurre l’esposizione all’alluminio attraverso di essi.

L’alluminio e i suoi sali vengono utilizzati per diversi scopi tecnologici: coloranti, stabilizzanti, emulsionanti o antiagglomeranti.

Come additivi, sono regolati dal Regolamento 1333/2008 , che stabilisce che gli additivi devono essere usati solo quando ci sono ragioni tecnologiche e devono essere sicuri per il consumo umano.

Successivamente, il regolamento 380/2012 tiene conto del parere scientifico dell’EFSA del 2008 e modifica specificamente le condizioni d’uso degli additivi contenenti alluminio in modo da non superare l’assunzione settimanale tollerabile stabilita dall’EFSA.

La dieta è la principale fonte di esposizione all’alluminio.

Quindi non c’è dubbio. Siamo esposti a un elemento chimico che può causare effetti negativi sulla salute.

Ma le capsule di caffè, come qualsiasi altro materiale a contatto con gli alimenti, devono essere conformi alle normative europee che garantiscono che non si superino le assunzioni settimanali tollerabili.

Quindi la preoccupazione in questo senso non dovrebbe essere maggiore di quella che comporta qualsiasi utensile di alluminio che viene utilizzato in cucina.

Ma non ci sono grattacapi.

Perché l’alluminio non è l’unico elemento chimico che preoccupa …

Hai sentito parlare del furano?
Ancora una volta uno studio spagnolo mette la lente d’ingrandimento su un composto chimico tossico che appare nel caffè.

Con la particolarità che questo composto, furano, è più concentrato nelle capsule di caffè che nel caffè macinato (con caffeina), nel caffè decaffeinato o istantaneo.

Il furano è un composto classificato dallo IARC nel gruppo 2B (probabilmente cancerogeno per l’uomo).

E sia l’EFSA nella sua relazione iniziale sui risultati provvisori di furano negli alimenti e l’OMS nella riunione del JECFA 2010 lo hanno considerato preoccupante a causa del suo effetto cancerogeno sugli esseri umani.

È un composto che appare nel processo di tostatura del caffè come prodotto della reazione di Maillard , una reazione che si verifica con il riscaldamento di zuccheri riducenti e amminoacidi che conferiscono proprietà desiderabili tipiche dei cibi tostati (aromi, colore …) , ma questo origina anche composti non intenzionali come il furano.

Lo studio conclude che il tempo e la temperatura della tostatura influenzano la quantità di caffè furano e raccomandano temperature di 140 ° C per 20 minuti per ridurne la formazione.

E in particolare nelle capsule Nespresso sono state riscontrate concentrazioni di furano molto più elevate (117-224 ng / ml) rispetto al solito caffè macinato (20-146 ng / ml nel caffè macinato con caffeina).

Il caffè in capsule contiene più furano di qualsiasi altra varietà di caffè, ma rimane entro i limiti di sicurezza.

La spiegazione potrebbe essere che il furano è un composto molto volatile. Quindi, essendo in una capsula ermetica, il furano non si perde e rimane con il caffè mentre nei caffè convenzionali evapora riducendo il suo contenuto.

Inoltre, l’alta pressione e la temperatura a cui il caffè è sottoposto nella macchina trascina il furano verso la bevanda.

Tuttavia, lo studio stesso mostra che i livelli di furano ingeriti variano tra 0,25 μg / kg di peso nelle donne e 0,38 μg / kg di peso negli uomini, che è molto lontano dal limite di 2 μg / kg considerato sicuro (O quello che è lo stesso, dovresti prendere più di 30 capsule di caffeina al giorno di 30 ml ciascuna per raggiungere quel limite).

Ma per quanto riguarda l’acrilammide?
L’acrilammide è anche un prodotto derivante dalla reazione di Maillard (potete vedere di più sull’acrilammide in questo articolo ) e sì, appare nel caffè a causa della tostatura.

È considerato da IARC nel 2A, probabilmente cancerogeno per raggruppare gli esseri umani, e il problema è che non ci sono le tecniche per ridurre la quantità di caffè (in altri alimenti come le patate stesse che possono essere applicate tecniche agronomiche o processi di conservazione ridurre la concentrazione finale dopo la cottura).

Nella ” Toolbox industria” (documento guida per ridurre la quantità di acrilamide negli alimenti) insiste inoltre che prendono cura che le procedure utilizzate per abbassare l’acrilammide alcun aumento del verificarsi di composti come furano.

Il rapporto scientifico acrilamide negli alimenti trovato i più alti livelli di acrilamide nel caffè e succedanei del caffè (come bevanda preparata cereali), ma la stessa relazione indica che “a causa del effetto di diluizione (caffè in acqua ), ci si aspetta che ci saranno livelli più bassi nella bevanda al caffè e nei sostituti del caffè “.

caffè capsule caffè

Uno studio congiunto da parte della Commissione europea e Nestle ha scoperto che le varietà di caffè tostati meno contenevano livelli più elevati di acrilammide quel brindisi (che potrebbe spiegare perché le forme di acrilamide presso l’ inizio della torrefazione e viene degradata come questa progredisce) .

Ma al momento non ci sono studi che mettono in relazione la quantità di acrilammide con diverse presentazioni di caffè (macinato, istantaneo, in capsule …).

L’acrilammide può essere un problema nel caffè (di tutti i tipi) come nelle patatine fritte o nei toast.

Ma dobbiamo ricordare che per il momento nell’Unione Europea non ci sono limiti stabiliti di acrilammide negli alimenti (anche se, secondo alcuni media, è probabile che sarà regolato entro la fine di quest’anno ).

3 -Ma ad Amburgo hanno vietato le capsule nei luoghi pubblici

Sì, e qui entriamo nel vero problema del caffè in capsule.

L’ ambientale .

La falsa notizia (di cui ha parlato all’inizio del blog) sui pericoli di questo tipo di caffè includeva presunti divieti di vendita in Germania (nel bulo l’elezione del paese non è casuale, se la Germania regola qualcosa che ci sembra più serio e ci chiama più attenzione che se facciano Repubblica ceca o Marocco, per dare esempi).

Quella proibizione era falsa.

Ma nel 2016 la città di Amburgo ha vietato le capsule di caffè negli edifici pubblici. E lo ha fatto come parte delle sue politiche per ridurre i rifiuti (e non perché fosse un rischio alimentare).

Il rapporto del Dipartimento dell’energia e dell’ambiente di Amburgo che ha dato origine alla misurazione racconta che “questi contenitori monodose causano un consumo di risorse e generano rifiuti inutili”.

Il più grande problema con le capsule di caffè è il loro impatto ambientale.

Perché stiamo parlando di 6 grammi di caffè in un contenitore che pesa 3 grammi. Il 30% di ciò che acquistiamo è uno spreco.

È vero che ogni volta che acquistiamo un prodotto paghiamo anche un container che finirà nella spazzatura.

Ma il problema in questo caso è la difficoltà a riciclare le capsule (oltre al fatto che la percentuale di rifiuti rispetto al prodotto è enorme).

Una volta utilizzata, la capsula ha almeno due elementi: il caffè (resto organico) e il contenitore (che, come abbiamo visto, può essere realizzato con materiali diversi).

E per questo motivo non possono essere riciclati come pacchetti convenzionali (nel contenitore giallo), è considerato il caffè (e da Ecoembes , nemmeno servire il caffè vaciase consumatori e gettare il contenitore di confezionamento, sia , in modo che potesse essere riciclato) .

Persino John Sylvan, che ha sviluppato negli anni ’90 i pod K-cup (gli Stati Uniti più venduti), dice che si rammarica di averli creati perché ” non saranno mai riciclabili “.

I consumatori sono sempre più preoccupati dell’impatto ambientale delle scelte che facciamo.

E le aziende lo sanno.

Ecco perché i produttori di capsule stanno esplorando i modi per mitigare questo problema: capsule fatte con materiali biodegradabili o sistemi di riciclaggio propri (che richiedono un impegno da parte del consumatore, che deve “preoccuparsi” di portarli ai punti di raccolta, che non sempre accessibile).

E questo è il vero problema con le capsule di caffè.

Quindi …

Dal punto di vista della sicurezza alimentare (e con gli studi esistenti al momento), il caffè in capsule non è un problema più grande di qualsiasi altro tipo di caffè.

Ma porta un problema di sostenibilità che può avere un impatto sempre maggiore perché le sue vendite non smettono di crescere.

Quindi la decisione di consumarlo o meno sarà condizionata dai tuoi gusti personali e da un impegno personale (puoi continuare a divertirti e riciclare le capsule correttamente).

E tu, sei cambiato con le capsule? Avevi sentito la bufala delle malattie associate al suo uso? Ti aspetto come sempre nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *