Blog

Il problema ecologico (e la soluzione bio) delle capsule di caffè

blank

Bere un caffè a capsule monodose potrebbe non avere la cremosità dell’espresso classico, né il tocco bohémien delle vecchie caffettiere italiane. Ma è comodo, veloce, e l’ampia varietà di sapori e toast fa sì che i più golosi cambino gusto ogni giorno.

Queste piccole capsule, tuttavia, hanno un problema: i loro materiali non sono biodegradabili . Ogni capsula da sei grammi di caffè richiede altri tre grammi di imballaggio, che sono per lo più alluminio e plastica che non viene riciclato, o che viene gettato nel contenitore sbagliato. E questo senza contare il cartone o la plastica del contenitore che li protegge.

Una balena muore dopo aver ingoiato otto chili di sacchetti di plastica

Il secondo prodotto più consumato al mondo

Il caffè è il secondo prodotto più consumato al mondo, dietro al petrolio. Secondo la banca cooperativa Rabobank , la vendita di capsule è cresciuta del 26% nell’ultimo decennio e ha superato otto volte il resto delle modalità di preparazione di questo prodotto. Uno studio di Kantar Worldpanel stima che in pochi anni il caffè monodose supererà il caffè macinato e solubile. E dove vanno la maggior parte di queste capsule? Alla spazzatura.

Uno dei produttori di imballaggi biodegradabili, Halo , calcola che ogni 13.500 capsule di alluminio e plastica vengono gettate nel cestino dei rifiuti, ovvero, in un anno, ci sono più di 7 miliardi di capsule che impiegheranno almeno un secolo per riciclare in modo naturale Dicono gli amanti delle statistiche che se sono posizionati uno accanto all’altro, questi piccoli contenitori potrebbero girare il mondo 14 volte.

L’impatto ecologico è così grande che persino John Sylvan, il creatore dei pod K-cup – il modello più popolare negli Stati Uniti – si rammarica della sua invenzione. “Non li uso più, sono molto costosi”, ha detto, e in tono apocalittico, ha detto alla rivista The Atlantic “non importa cosa dicono i produttori, le capsule non possono essere riciclate”.

Spagna, tra i leader del consumo di capsule

La Spagna è il terzo paese con più consumatori di capsule di caffè, dietro solo gli Stati Uniti e l’Italia, e la bonifica di queste piccole unità ha superato l’importo che il caffè servito nei bar e ristoranti.

Conseguenze collaterali
In Spagna ci sono più di 1,5 milioni di persone che ogni giorno prendono due o tre caffè monodose, il che ha anche portato a maggiori spese per il massimo comfort

Già più di 1,5 milioni di persone che ogni giorno prendono due o tre caffè monodosis, che ha anche portato a maggiori costi per motivi di convenienza: per comprare mezzo chilo pacchetti cinque o sei euro (11 o 12 euro a chilo), è andato alle capsule che aumenta il prezzo del chilo a 50 euro.

Il riciclaggio sbagliato

Un problema con questo tipo di prodotto è che i consumatori lo riciclano in modo errato. I regolamenti non lo considerano un contenitore e non dovrebbero essere gettati nel contenitore giallo. Se qualcuno cerca di svuotare il caffè e gettare la capsula di alluminio, ci saranno sempre resti organici.

Nespresso, la principale azienda di vendita monodose al mondo, ha più di 900 punti in cui i clienti possono avvicinare le capsule usate. In tutto il mondo hanno 14.000 centri e i portavoce dell’azienda dicono che entro il 2020 si aspettano di avere la capacità di riciclare il 100% della loro produzione.

Ma non tutte le persone hanno tempo o consapevolezza per avvicinarsi al punto di riciclaggio: si stima che solo una su cinque si occupi di raccoglierle e consegnarle.

L’alternativa di capsule bio

Una soluzione al problema ecologico può venire di pari passo con capsule biodegradabili. Una delle aziende che li ha lanciati sul mercato è Cafés Novell , le cui monodose sono compatibili con le macchine Nespresso. L’azienda catalana vuole approfittare della corrente di coscienza ecologica di molti consumatori e aspirare a vendere 500.000 unità all’anno, di capsule che possono disintegrarsi tra uno e tre mesi.

materiale
Il segreto sta nella plastica biodegradabile utilizzata per produrre il monodose. Questo è Ecovio, un materiale creato da Basf prodotto sulla base di un poliestere chiamato Ecoflex

Il segreto sta nella plastica biodegradabile utilizzata per produrre il monodose. Questo è Ecovio, un materiale creato da Basf prodotto sulla base di un poliestere chiamato Ecoflex (anch’esso sviluppato dalla multinazionale tedesca) e del biopolimero PLA, realizzato con amido di mais.

Una carta riciclabile copre l’esterno della capsula e all’interno è presente un tipo di plastica biodegradabile. Inoltre, la struttura è unificata con un adesivo compostabile chiamato Epotal Eco, un’altra creazione di Basf. In questo modo, si evita – come le altre capsule – che umidità, ossigeno o luce danneggino il prodotto.

caffè
caffè (halo.coffee / halo.coffee)
Altre marche sul mercato

Un altro marchio che presenta le sue capsule biodegradabili è Café Ético , la filiale di Ethical Coffee Company, fondata dall’ex CEO di Nespresso Jean-Paul Galliard, nel 2008. Precisamente, le cose con la sua vecchia azienda non sono andate a finire bene e la società Nestlé Li ha citati in giudizio per il brevetto delle loro famose capsule, chiedendo che il gigante del cibo abbia perso e abbia dato le ali a questa nuova società per presentare capsule ecologiche e vendere caffè da produttori inclusi nel commercio equo e solidale.

Queste capsule sono fabbricate “a base di fibre vegetali di origine biologica al 100%”, riferisce l’azienda, e assicura che in sei mesi sia degradata grazie a un sistema di compostaggio industriale. Quando lo butti via, devi gettarlo nel cestino dei rifiuti organici.

iniziative
Ci sono aziende che fabbricano capsule “a base di fibre vegetali di origine biologica al 100%”, assicurando che in sei mesi vengano degradate grazie a un sistema di compostaggio industriale

Cabú Cofee è un’altra società che mira a conquistare il mercato con le sue capsule biodegradabili, che possono essere smaltite in contenitori organici, ei loro modelli sono compatibili con le macchine Nespresso e Dolce Gusto.

Il progresso ecologico contro le capsule tradizionali va di pari passo con l’espansione di questo sistema. Ad Amburgo, il suo governo municipale ha vietato l’acquisto di macchine e capsule in tutte le unità della pubblica amministrazione, tra le altre misure di consumo sostenibile. Forse con l’arrivo di queste nuove capsule i funzionari di questa città nel nord della Germania possono tornare ad avere una singola dose di caffè in una pausa dal loro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *