Blog

Un caffè? La storia dietro le capsule di caffè

(Last Updated On: 16 Aprile 2021)

L’invenzione della capsula del caffè ha rivoluzionato il mondo del caffè, contribuendo così alla crescente popolarità di una delle bevande più distintive sul mercato: l’espresso, quella piccola tazza di caffè da sola e forte. Ci sono molti modi per preparare un caffè, ma l’espresso sta rapidamente diventando la bevanda preferita degli amanti del caffè. Come si prepara un espresso? Iniezione di acqua calda sotto pressione e per meno di 25 secondi in chicchi di caffè macinati finemente. Il risultato è una dose concentrata di caffè sormontata da quella delicata schiuma di una tonalità brunastra simile a quella del cioccolato. Nel giugno 2010, il signor Eric Favre, un prolifico inventore e pioniere del caffè in dosi, Ha condiviso le sue riflessioni e le sue esperienze di inventore e imprenditore con i partecipanti a un seminario organizzato durante la prima giornata di porte aperte del WIPO. Questo articolo raccoglie i tuoi commenti e ci fa conoscere l’origine di una tecnologia che ha trasformato il modo in cui le persone bevono caffè.

Le origini

Foto: Collezione Enrico Maltoni

L’espresso è nato in Italia – espresso in lingua italiana, che significa “veloce” – in del primo Novecento, quando Luigi Bezzera, frustrato dalla invertita ogni mattina per preparare un caffè tempo, ha aggiunto il vapore pressione per il caffè. In questo modo, non solo ha accelerato il processo di preparazione; Scoprì anche che si otteneva un caffè più forte e denso. Nonostante le sue conoscenze tecniche, il signor Bezzera non ha avuto molto successo nella commercializzazione del prodotto. Il signor Desidero Pavoni è stato un uomo d’affari italiano, che, dopo aver acquisito nel 1905 il brevetto della macchina di Mr. Bezzera, espressamente introdotto con successo nel mercato italiano e ha cambiato il nostro modo di bere il caffè.

Una tecnologia in evoluzione
La tecnologia per preparare l’espresso perfetto si è evoluta nel corso degli anni. Nel 1938, il contributo di un Cremonesi, inventore di una macchina per caffè a pistone, permise di finire con il retrogusto bruciato derivante dall’uso di vapore o acqua bollente. Successivamente, grazie al pistone a molla del signor Achille Gaggia, è diventato possibile applicare una pressione al caffè senza la necessità del bollitore (nelle prime macchine da caffè, l’acqua ha sfruttato la pressione del bollitore). Nel 1961, la società Faema inventò una macchina a pompa elettrica in cui l’acqua passava attraverso il caffè. Quell’anticipo segnò l’inizio delle macchine da caffè a pompa da cui provengono le moderne macchine da caffè espresso.

“Un inventore deve essere un imprenditore.”

La nascita di un’invenzione

Figlio di un inventore agricolo, il signor Eric Favre sapeva, poco dopo aver iniziato la sua carriera come ingegnere, dell’importanza di inventare qualcosa che potesse essere venduto. Con questa idea in mente, nel 1975 è entrato nel reparto packaging della sede Nestlé in Svizzera. In questo modo, potrebbe essere in contatto permanente non solo con il lavoro del reparto R & S dell’azienda, ma anche con i reparti vendite, marketing e produzione. A metà degli anni ’70, il caffè istantaneo era la rabbia, ma quello che ha davvero acceso la scintilla dell’avventura del caffè di Mr. Favre era il suo desiderio di preparare tutti e gustare comodamente da casa il miglior espresso italiano . Eureka!

Mr. Favre e sua moglie, italiana, gira l’Italia alla ricerca del perfetto espresso, che pensavano di aver trovato a Roma, presso il Caffè Sant’Eustachio, dove i romani in fila per provare una tazza di barista, specialità Eugenio. Quell’espresso era un gradino sopra tutti quelli che avevano provato nel resto d’Italia, ma si distingueva anche dagli altri per la sua preparazione. “Eugenio utilizzava ancora le vecchie macchine da caffè classiche a quattro pistoni”, afferma. per preparare il caffè, il pistone non è andato giù una volta, come tutti gli altri, ma tre o quattro volte. ” In questo modo, Eugenio mise in onda il caffè, un dettaglio chiave nell’invenzione del signor Favre. “Grazie a Eugenio ho capito che, per ottenere un buon espresso, è necessario immettere la massima quantità d’aria nell’acqua prima che entri in contatto con il caffè. L’aria ha il 20% di ossigeno. In questo modo, gli aromi o gli olii essenziali sono ossidati e possono essere estratti più rapidamente – spiega -. L’espresso è una miscela di aria, acqua e oli di caffè. È molto semplice, ma nessuno l’aveva considerato fino ad allora. Non ho inventato una capsula, ma qualcosa di molto più potente: una formula “, dice.

Dopo questa rivelazione nella sua casa in Svizzera, il signor Favre ha deciso di mettere alla prova la sua idea. Quasi istantaneamente, capì che “il caffè filtrato è quello che l’acqua ha espresso con l’acqua”. L’espresso è un caffè molto più aromatico e saporito perché “le piccole bolle d’aria del liquido esplodono nel palato e risvegliano le papille gustative”, spiega Mr. Favre. Il concetto era chiaro, ma una delle grandi sfide affrontate dagli inventori è, nelle parole del creatore, spiegare la sua visione al resto: “Il problema è che quando hai capito tutto e sai cosa puoi dare Sì, la tua idea, nessuno capisce davvero di cosa stai parlando perché è qualcosa di nuovo e non ci sono parole per descriverlo “.

Il signor Favre ha iniziato a dimostrare la sua idea e ha iniziato a lavorare in una “cella di estrazione che concentrava tutti i sapori”. Sulla base delle sue conoscenze ingegneristiche, ha optato per una mezza sfera, sulla base della quale ha incorporato un filtro e una membrana. Poco dopo, disegnò una capsula simile a un cappello a fungo, che si stava evolvendo nella sua forma attuale.

Dopo aver svolto un ruolo chiave nella creazione e commercializzazione della capsula Nespresso originale, Mr. Favre ha fondato nel 1991 la sua società, Monodor SA, con sede in Svizzera. Da quando ha ottenuto un brevetto per la capsula originale nel 1976, più di 30 anni fa, Mr. Favre non ha smesso di innovare e perfezionare la sua invenzione. Mr. Favre e Monodor hanno diversi brevetti sulla loro tecnologia e hanno utilizzato il WIPO PCT per richiedere la protezione internazionale in diverse occasioni.

Il design di Monodor migliora l’invenzione iniziale. La capsula originale, commercializzata fino al 1994, pesava 3 grammi; tuttavia, il filtro da solo pesava già 2 grammi ed era principalmente in alluminio. Poiché il filtro era solo un altro elemento del contenitore, sono state sprecate tonnellate di alluminio. Per Mr. Favre, in un mondo così preoccupato per l’ecologia come è oggi, quel dettaglio “ha comportato un impensabile dispendio di energia”.

Ispirato all’architettura di un vecchio ponte italiano di 2.000 anni, ha sviluppato una nuova capsula che è stata trasformata in un filtro dall’effetto della pressione (circa 150 kg) esercitata durante il processo di estrazione. La capsula, o più specificamente il metodo di estrazione della nuova capsula, elimina la necessità di incorporare un filtro nella capsula. Con questo metodo (vedi numero di applicazione PCT / CH91 / 000222), la macchina punzona la parte superiore della capsula e inietta acqua sotto pressione, in modo che i chicchi di caffè si gonfino fino a cinque volte il volume . Questo genera una pressione all’interno della capsula che finisce per deformare la membrana alla base della capsula e incrostarla nei denti sul fondo della macchina da caffè. Il liquido raggiunge la tazza attraverso il filtro.

La confezione della capsula di Monodor è minima rispetto a quella di molte altre capsule. Consiste di sette diversi strati di polipropilene. L’avvolgimento rappresenta solo il 12% della capsula; il resto è caffè.

A causa dello straordinario potenziale commerciale delle capsule di caffè, Mr. Favre e la sua società, Monodor SA, non possono trascurare la difesa dei loro diritti di brevetto. “Sembra molto facile, ma è una formula che abbiamo dovuto brevettare”, dice. Dobbiamo proteggerlo con estrema cura … Se ci mancasse questa protezione, ci sarebbero centinaia di copie “, aggiunge.

Monodor, un’azienda a conduzione familiare, compete con successo sul mercato, collaborando con circa 400 esperti specializzati nelle diverse fasi del processo produttivo. “Questo ci ha permesso di raggiungere risultati paragonabili a quelli dei grandi laboratori di ricerca commerciali … in brevissimo tempo e ci ha dato … la possibilità di crescere”, afferma Favre.

Ad oggi, Monodor ha prodotto oltre 500 milioni di capsule su licenza. “Oggi continuiamo ad evolvere. Essendo diventato una specie di Tetrapak 1 , altri grandi gruppi possono vendere il nostro prodotto in modi diversi “, afferma. La domanda di capsule in bar, ristoranti e altri stabilimenti dove il consumo di caffè è elevato continua a crescere, il che significa produrre migliaia di macchine in breve tempo. “Ecco perché dietro ci sono sempre più grandi gruppi”, spiega Favre. Nel 2000, Monodor – registrati dal Sistema di Madrid per la registrazione internazionale dei marchi marchio WIPO – ha firmato un accordo di licenza con Lavazza per la produzione, la vendita e la distribuzione del prodotto a livello internazionale sotto l’etichetta Monodor Lavazza Blu. Nel 2004, la società ha firmato un accordo con la società svizzera Migros per la produzione, vendita e distribuzione del prodotto Monodor in Svizzera con il marchio Delizio .

Con una gran parte incontaminata di mercato attualmente, le capsule di caffè rappresentano circa l’1% del mercato del caffè, che muove milioni e milioni di dollari e dovrebbe crescere del 20% nei prossimi dieci anni, Monodor ha un glorioso futuro davanti Sì. La grande invenzione di Mr. Favre ha a milioni di consumatori l’arte della preparazione di un espresso. Se un buon espresso è stato un bene prezioso nel passato, oggi, gli amanti del caffè può godere e facilmente amaro aroma e il gusto intenso del caffè provenienti da tutto il mondo.

Mosso dalla sua passione per le invenzioni, Mr. Favre continua ad espandere l’applicazione del suo concetto rivoluzionario con il lancio in Cina (Pechino e Shanghai) di Tpresso 2 nell’ottobre 2010. Questo modo unico di preparare un tè include una capsula ermeticamente sigillata con le foglie di tè finemente tagliate all’interno, una presentazione particolarmente efficace, sembra, per preservare i sottili aromi e sapori del tè.

Se un obiettivo ha l’azienda, è di continuare a innovare e scoprire nuovi e migliori processi. Mentre studia come ottimizzare gli aromi pressione di estrazione di prodotti alimentari, i loro sforzi sono focalizzati su diverse aree di ricerca, tra cui caffè (ristretto, espresso, cappuccino, ecc), tè e infusi (nero, verde , tè alla menta, ecc), prodotti lattiero-caseari (latte e del cioccolato, ecc), prodotti culinari (brodi, minestre, salse, ecc) e alimenti per l’infanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *